Addio a Stan Lee, il leggendario fumettista ci lascia a 95 anni

Un triste giorno per il mondo.
spawn secondo stan lee

Ci ha lasciati Stan Lee, il mostro sacro del fumetto, passato a miglior vita all’età di 95 anni. Da tempo combatteva contro polmonite e problemi alla vista. Stando a quanto riportato dalla figlia dell’artista, in mattinata un’ambulanza lo avrebbe soccorso all’interno della sua villa, sulle colline di Hollywood.

Lee, considerato da molti il più grande fumettista della storia statunitense, iniziò la sua brillante carriera negli anni 40. La consacrazione avvenne però vent’anni dopo quando divenne presidente e direttore editoriale della casa editrice di fumetti Marvel Comics, per la quale ha sceneggiato moltissime storie.

Conosciuto anche come L’Uomo (The Man) e Il Sorridente (The Smilin’), ha introdotto per la prima volta, insieme con diversi artisti e co-creatori, in special modo Jack Kirby e Steve Ditko, personaggi di natura complessa e con personalità sfaccettate all’interno dei comicbook. Il suo successo permise alla Marvel di trasformarsi da piccola casa editrice in una grande azienda di stampo multimediale.

Dalla sua mente sono nati personaggi come Spider-Man, gli X-Men e gli Avengers, insieme ad altri 200 volti indimenticabili di tutto l’universo marveliano.

Il fumettista è stato anche uno dei più grandi produttori di film di tutti i tempi, essendo figurato come executive producer di numerose pellicole basate sui suoi personaggi. Come non citare, a tal proposito, i cameo e le apparizioni in decine di cinecomic e in serie televisive.

Qui sotto, il cordoglio di Ryan Reynolds e di Robert Downey Jr.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I owe it all to you,,, Rest In Peace Stan… #MCU #legend #rip #stanlee #TeamStark ( 📸 @jimmy_rich )

Un post condiviso da Robert Downey Jr. (@robertdowneyjr) in data:

Grazie, maestro.

Fonte: ComicBook

Categorie
FeaturedNews
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua