Attenti al gorilla

La recensione del nuovo film di Luca Miniero, dal 10 gennaio al cinema
Gorilla

Arriva in sala lo stesso giorno di Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno anche il nuovo film di Luca MinieroAttenti al gorilla. Il protagonista è Frank Matano, con due spalle femminili, Cristiana Capotondi Diana Del Bufalo e due maschili, Lillo Petrolo Francesco Scianna. Ah, sì, c’è anche il gorilla (in animatronic), doppiato dal prossimo co-conduttore del Festival di Sanremo: Claudio Bisio.

Dopo Sono Tornato Miniero torna con un’altra commedia, che non è il remake di nulla (forse, ma ne parliamo fra poco) ma nel pretesto trae ispirazione da una sentenza americana: un avvocato, in questo caso interpretato Frank Matano, vince una causa contro il giardino zoologico a favore della salvaguardia di un gorilla. La sentenza però stabilisce che l’avvocato porti il gorilla a casa e che in seguito provveda a rispedirlo in Africa. Il personaggio interpretato da Matano ha una famiglia disastrata: la moglie è pronta a sposarsi con un altro e i suoi figli si sono convinti che lui non voglia loro bene.

Il film è in parte raccontato attraverso il voice-over del gorilla che reclama una fetta di umanità affermando che invece gli umani che lo circondano potrebbero e dovrebbero imparare qualcosa di più dal mondo animale. Nelle intenzioni, il gorilla a casa dovrebbe essere il pretesto che spinge il protagonista a rivedere i suoi comportamenti e le sue priorità, a capire cosa non funziona e cercare di porvi rimedio. Chiaramente è una commedia, dunque queste parti non debbono essere necessariamente affrontate in modo tragico, ma costituiscono comunque una parte leggermente più seria rispetto alle gag e alle battute.

Ne viene fuori un film bizzarro. Come prima cosa, in Attenti al gorilla si attinge molto (troppo) dalla serialità televisiva americana: l’avvocato con lo studio nel retro di un salone di bellezza è palesemente Better Call Saul, il figlio vessato da una madre che non si vede ma di cui si sentono le urla è The Big Bang Theory. Seconda questione: vuoi per l’umorismo di Matano, Lillo e della Del Bufalo, spesso sopra e fuori le righe, vuoi per l’amore di Miniero per il surreale, ci sono momenti in cui la storia vira verso la follia più pura. Questi ultimi sono i momenti in cui ci si mangia di più le mani: l’anima seria del film non sempre sta in piedi, nonostante gli sforzi di un cast comunque in forma, dunque perché non spingere completamente il piede sull’acceleratore e fare un film al 100% folle? Anche in questo caso l’idea c’era, ma è di nuovo un: ritenta, sarai più fortunato

5
  • 5
Categorie
NewsRecensioni
Emanuele Paglialonga

Classe 1995, autore e sceneggiatore. Mi raccomando con questa cosa del cinema.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

  • Attenti al gorilla: il teaser poster del film con Frank Matano e Cristiana Capotondi

    Ecco il teaser poster di Attenti al gorilla, il nuovo film di Luca Miniero (Sono tornato) nelle sale dal 10 gennaio 2019 distribuito da Warner Bros. Pictures. Nel cast, accanto a Frank Matano, Cristiana Capotondi e Lillo Petrolo, Francesco Scianna, Diana...
  • Puoi baciare lo sposo

    Puoi baciare lo sposo

    Giovedì 1 marzo arriva in sala Puoi baciare lo sposo, commedia diretta da Alessandro Genovesi (La peggior settimana della mia vita, Soap opera) e interpretata da Diego Abatantuono, Monica Guerritore, Cristiano Caccamo e sua gomorrità Salvatore Esposito. È...
  • Sono tornato

    Sono tornato

    È di nuovo fra noi. Sono tornato, dice, in voice-over. Hitler? No, Benito Mussolini. Sì, è il remake del tedesco Lui è tornato, che era a sua volta l’adattamento di un...
  • gli sdraiati

    Gli Sdraiati

    Gli Sdraiati è un libro di Michele Serra che, con poco più di cento pagine, riesce a tratteggiare con ironia e leggerezza un quadro delle nuove generazioni, distaccandosi da...

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua