Bohemian Rhapsody: per il Web il montaggio di una scena è “aberrante” e il montatore conferma

John Ottman ha dato ragione ai detrattori...
bohemian rhapsody

Bohemian Rhapsody è stato senza dubbio il fenomeno cinematografico del 2018, conquistando quasi 900 milioni di dollari al box-office e aggiudicandosi ben 4 Premi Oscar. Tra questi, quello andato al Miglior Montaggio continua a scatenare polemiche sul Web. Nello specifico, molti spettatori non riescono a capire come abbia potuto vincere il tanto ambito Premio dove aver presentato una scena dall’editing “aberrante”.

Stiamo parlando della sequenza in cui la band incontra il produttore John Reid in un ristorante.

Paradossalmente, il montatore del film – John Ottman ha dato ragione ai detrattori, dichiarando:

Wow, non sapevo esistesse questa polemica, ma capisco il perché. Ogni volta che guardo quella scena, voglio mettermi una busta in testa. Non è la mia estetica. Se mai ci sarà una versione estesa del film, e se mai potessi cambiare qualcosa, vi prometto che la monterò come avrei voluto”.

Ottman ha rivelato inoltre di essersi sentito parecchio sotto pressione, perché gli venne detto di rendere il primo atto di Bohemian Rhapsody molto (forse troppo) veloce. Il film, tuttavia, è stato un vero e proprio successo, tanto che negli scorsi giorni si parlava addirittura di un sequel. Le voci sono state prontamente smentite dalla produzione, attraverso un publicist della GK Films.

Qui la nostra recensione del film.

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua