Carrie Fisher inviò una lingua di mucca ad un produttore che aveva molestato una sua amica

L'episodio è stato raccontato dalla scrittrice Heather Ross durante un intervento radiofonico
Griffin carrie fisher

Mentre continua l’onda di dichiarazioni sul caso Harvey Weinstein, arriva una notizia che non potrà che farci sorridere. La scrittrice Heather Ross ha raccontato di quanto Carrie Fisher si schierò in sua difesa inviando una lingua di mucca ad un produttore di Hollywood colpevole di averla molestata durante una cena di lavoro. Dopo l’incontro, l’uomo l’aveva infatti spinta contro il sedile della sua macchina, bloccandola in modo aggressivo. Dopo aver raccontato l’episodio all’amica, Carrie Fisher ha pensato bene di passare ai fatti:

“Circa due settimane dopo, Carrie mi ha mandato un messaggio dicendomi, ‘L’ho appena visto ai Sony Studios, sapevo che probabilmente sarebbe stato lì, così sono andata nel suo ufficio e gli ho lasciato una scatola di Tiffany con un fiocco bianco.’ Così le ho chiesto cosa ci fosse nella scatola, e lei mi ha risposto ‘Solamente una lingua di mucca con un messaggio che diceva ‘Se tocchi ancora la mia cara Heather o qualsiasi altra donna, la prossima consegna sarà qualcosa di tuo in una scatola molto più piccola!'”.

Potete trovare l’intervista qui:

Categorie
News
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua