Cocaine – La Vera Storia di White Boy Rick

La recensione del biopic dedicato a Richard Wershe Jr, con Richie Merrit e Matthew McConaughey....
cocaine

Dopo il thriller ’71, il regista Yann Damage debutta a Hollywood con Cocaine – La Vera Storia di White Boy Rick, parabola umana e giudiziaria di Richard Wershe Jr. che dal 1984 al 1987 divenne il più giovane informatore nella storia dell’FBI, finendo in carcere a soli 18 anni con la condanna più lunga mai registrata nello stato del Michigan per un reato non-violento.

Per Damage e i suoi sceneggiatori, Andy Weiss e i fratelli Miller, la vita di Rick è lo specchio di un periodo cupo, segnato da corruzione istituzionale, crisi economica e abbandono sociale. Attraverso le strade desolate di Detroit assistiamo alle conseguenze disastrose del governo Reagan, ma soprattutto al dilagare incontrollato della sostanza più consumata degli anni ’80: la cocaina.

In questo scenario da guerra civile, chi viene sacrificato sull’altare della politica e del potere sono i più poveri, questa volta senza distinzione etnica. Nick infatti è giovane e bianco, ma proviene da una famiglia umile, con un padre appassionato di armi, una sorella tossicodipendente e dei nonni che tentano in tutti i modi di tenere uniti i pezzi. Le sue scelte sono condizionate dalla mancanza di una prospettiva e l’incontro con il cugino del Boss del quartiere segnerà inevitabilmente la sua esistenza, trasformandolo nell’esca perfetta di un gruppo di federali corrotti.

L’esordiente Richie Merritt offre il suo volto pulito al personaggio protagonista, accompagnato in questa prima esperienza cinematografica da un ormai navigato Matthew McConaughey, che indossa l’ennesima maschera da outsider frustrato con il suo riconoscibile piglio interpretativo. Tutti gli ingredienti si mescolano a dovere, la cronologia dei fatti si avvicenda con tensione, privilegiando uno stile asciutto e diretto, senza troppi fronzoli retorici, ed è davvero difficile non provare compassione per White Boy Rick, nonostante la prospettiva narrativa sia costruita in modo da non mascherarne le responsabilità criminali.

Cocaine РLa Vera Storia di White Boy Rick ̬ uno di quei film che non ti aspetti; che ingenuamente Рe con un pizzico di arroganza Рhai giudicato e sottovalutato ancor prima di sederti in sala. Ciliegina sulla torta, una ricostruzione precisa e coinvolgente del clima disco-groove di quegli anni, con costumi, trucco, ambientazioni e colonna sonora allestiti con grande cura e realismo. Un altro buon motivo per premiarlo a pieni voti.

Categorie
NewsRecensioni
Martina Amantis

Ryan Gosling is my husband
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua