La Disney chiuderà la Fox 2000

Dopo l’ufficialità dell’acquisto degli asset della 21st Century Fox, la Disney inizia ad attuare i primi licenziamenti. I primi a farne le spese sono stati i dipendenti dell’area marketing...
disney

Dopo l’ufficialità dell’acquisto degli asset della 21st Century Fox, la Disney inizia ad attuare i primi licenziamenti. I primi a farne le spese sono stati i dipendenti dell’area marketing e della comunicazione Fox, con una stima sul lungo di circa 4000 licenziamenti.

Secondo Variety e Deadline i dipendenti Fox non saranno le uniche vittime di questa fusione, a pagarne le conseguenze ci sarà infatti anche la Fox 2000. L’etichetta guidata da Elizabeth Gabler cesserà di esistere ad ottobre, dopo l’uscita di La Donna alla Finestra, il nuovo film di Joe Wright con Amy Adams e Gary Oldman. I film ancora in lavorazione, tra cui Ford v Ferrari di James Mangold e Ad Astra di James Gray, verranno gestiti da altri reparti.

Rimangono così “in vita” la 20th Century Fox e la Fox Searchlight. La prima gestisce svariati franchise di successo, mentre la seconda ha prodotto una serie di pellicole poi passate in orbita Oscar. Non è quindi un caso che la Disney abbia deciso di tenere in vita le due etichette più “utili”, sacrificando quella con un ruolo più marginale.

Nel corso degli anni la Fox 2000 ha prodotto film come Diario di una Schiappa, Il Diavolo Veste Prada, Io & Marley, Colpa delle Stelle e Love Simon.

Categorie
News
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua