I peggiori film del 2016 secondo Above The Line

In poche parole, il Lato Oscuro del Cinema
I peggiori film

Dopo aver esaltato la parte migliore, ecco qui la nota dolente del 2016. Come in ogni anno che si rispetti, infatti, non sono mancate opere di dubbio gusto, alcune già perdenti in partenza, altre attesissime e poi rivelatesi delusioni gigantesche. Ci abbiamo pensato molto, e questo è il risultato unanime.


I PEGGIORI FILM DELL’ANNO

1. BEN HUR, di Timur Bekmambetov

59618_ppl

“Non c’è misericordia per questo Ben-Hur targato 2016, uno sbaglio imperdonabile che dipinge un manifesto di tutto quello che di sbagliato ci può essere quando si parla di remake (o di cinema, in generale). Instant Scult dell’anno”.

2. SUICIDE SQUAD, di David Ayer

1453299798-hbz-suicide-squad-copia

“Se Batman v Superman era un coraggioso fallimento, Suicide Squad è uno snervante tentativo di scimmiottare un cinema leggero e pop, trasformandolo però in un giro sulle montagne russe che finisce per darci la nausea”.

3. GODS OF EGYPT, di Alex Proyas

xy74ant8zghuigvoalnhrmrdhbq

Allora… No, non abbiamo niente da dire.

4. ZOOLANDER 2, di Ben Stiller

maxresdefault

“Zoolander 2 è come il figlio che sulla spinta della madre o della propria famiglia (i fan) decide di ripercorrere le orme del proprio padre (Zoolander 1) nella speranza di superarlo, finendo solo per ricalcare filologicamente i suoi passi senza apportare nulla di più al suo operato. E l’unico risultato che si può ottenere da tutto ciò non è altro che tanta, tanta amara delusione”.

5. CELL, di Tod Williams

cell-2016-recensione-film-testa

“Probabilmente il film più brutto e trash degli ultimi anni, indifendibile se non per i cultori dell’orrido dotati di tanto stomaco e pazienza. Quando un film riesce ad essere sbagliato fin dai titoli di testa, il cellulare che tanto dovrebbe essere bandito nelle sale cinematografiche potrebbe rivelarsi la vostra unica àncora di salvezza”.

6. VICTOR – LA STORIA SEGRETA DEL DOTT. FRANKENSTEIN, di Paul McGuigan

49668_ppl

“Un film al limite della decenza, che colpisce brutalmente la memoria dello straordinario scienziato partorito dalla mente della Shelley, proprio nell’anniversario dei 200 anni dalla nascita del libro”.

7. SHUT IN, di Farren Blackburn

mv5bmty2ndyznzkwn15bml5banbnxkftztgwodc1nze0mdi-_v1_sy1000_sx1500_al_

“Trama, struttura interna ed espedienti vengono trattati malissimo, lasciando lo spettatore più che in balìa degli eventi, in balìa delle lancette dell’orologio che non scorrono abbastanza velocemente da arrivare subito ai titoli di coda”.

Categorie
FeaturedNewsRubriche
Claudia Bighi

Attrice e autrice, scrive per sdrammatizzare. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma rifiuta il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua