Il Corvo: ancora problemi per il reboot

Il regista Corin Hardy, sotto contratto dal 2014, è stato licenziato
Il Corvo

Sembra proprio che la maledizione de Il Corvo continui. Il cult del 1994 diretto da Alex Proyas, divenne tristemente celebre per la morte di Brandon Lee – figlio di Bruce – sul set, e ancora oggi rappresenta un simbolo di quegli anni.

Da tempo si parla del reboot, che ha procurato non poche magagne alla casa di produzione. Come se non bastasse Corin Hardy, sotto contratto dal 2014, ha dovuto abbandonare il progetto. Nel 2015 metà del cast ha detto addio al set, ed è per questo che lo studio si assicurò un prolungamento del contratto di Hardy. Le riprese sarebbero dovute iniziare a marzo, ma nel frattempo la Relativity Media ha cambiato il proprio presidente, eleggendo Dana Brunetti. Quest’ultima, visto i problemi societari, ha deciso di ricominciare tutto da capo, licenziando Hardy.

E’ qui che interviene la Edward R. Pressman Film Corporation, produttrice del film del 1994, la quale nel 2009 permise alla Relativity di girare tre film entro tre anni. Entrambe le parti erano d’accordo su Corin Hardy come regista. I tempi, come è evidente, non sono stati rispettati, così come il licenziamento di Hardy, assolutamente inaspettato per Ed Pressman.

Insomma, questo reboot non s’ha da fare.

Fonte: IndieWire

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Un Commento
  • Avatar
    Jason Momoa sarà il nuovo protagonista de Il Corvo – abovetheline.it
    10 Agosto 2016 at 18:31
    Rispondi

    […] le controverse vicessitudini legate al nuovo capitolo de Il Corvo, ecco un piccolissimo salto in avanti. Se da una parte la […]

  • Rispondi

    *

    *

    ABOUT US

    CONSIGLIATI

    Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

    Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

    Continua