John McTiernan attacca Mad Max: Fury Road e i cinecomics “Sono fatti da fascisti”

Intervistato da un rivista francese, il regista John McTiernan si è scagliato duramente contro il nuovo Mad Max e i cinecomics
John McTiernan

Conosciuto per essere stato il re degli action movie, John McTiernan manca dalle scene dal lontano 2003, quando arrivo in sala con il disastroso Basic. Adesso il regista di cult come Predator e Trappola di Cristallo è tornato alla ribalta, scagliandosi contro uno dei film più apprezzati dello scorso anno, Mad Max: Fury Road di George Miller, definito dal regista un “prodotto aziendale”McTiernan ha trovato anche il tempo di prendersela con i cinecomics, attaccando pesantemente i loro produttori e il loro ruolo nell’immaginario collettivo:

“Quei film sono fatti da fascisti. I supereroi sono roba per far soldi. Capitan America, il culto dell’iper-masculinità americana è una delle cose peggiore accadute al mondo negli ultimi cinquant’anni. Centinaia di persone sono morte per questa stupida illusione. Mi chiedo come sia possibile guardare un film intitolato Capitan America.”

Il regista non si detto contrario a tutto ciò che succede ad Hollywood, lodando il lavoro di Joel Silver (produttore di Predators, Trappola di Cristallo e recentemente di The Nice Guys) riconosciuto come uno “che produrrà sempre dei veri film d’azione”, e dichiarandosi come un grandissimo fan di Argo di Ben Affleck.

Fonte: The Playlist

 

 

Categorie
News
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua