L’inganno

La recensione del film di Sofia Coppola, Miglior Regia a Cannes 2017
L'inganno

Miglior Regia a Cannes 2017, arriva in Italia L’inganno di Sofia Coppola. Il film è l’adattamento del romanzo A Painted Devil, da cui già fu tratto La notte brava del soldato Jonathan di Don Siegel. Protagonisti del film della Coppola sono Colin FarrellNicole KidmanKirsten Dunst Elle Fanning.

La storia è ambientata alla fine della guerra civile americana: un soldato ferito (e disertore) viene trovato da una bambina che va a funghi e portato in un collegio di donne. Poche donne, a onor del vero. Che non vedono un uomo da molte lune, e dunque la presenza di un estraneo potrebbe creare problemi, contrasti, dissapori… se solo succedesse qualcosa.

Il lato positivo del film è che dura 94 minuti. Già dieci minuti in più e sarebbe stato agonia. Mezz’oretta in più e era crimine contro l’umanità. I primi 40 minuti sono letali (come a Interstellar, solo che quello migliora).

Potremmo lamentarci della lentezza, della mancanza di ritmo, di una regia immobile, pietrificata. Il rischio di venire citati dagli amici de Il cinefilo nell’era dell’internèt è grande, ma vogliamo correrlo lo stesso. La Coppola non è Tarantino o James Gunn, su questo siamo d’accordo e soprattutto diamo per assodato che ogni regista abbia le proprie caratteristiche e i propri vezzi.

Nascondersi con la foglia di fico dello stile non è obiettivo. Per non portarla troppo per le lunghe, proviamo per una volta a calarci nei panni del pubblico: perché dovrebbe andare a vedere un film di questo tipo? Può interessarvi un film di passi sul legno che scricchiola, vestiti candidi e candele accese entrambi visivamente fastidiosi, col conflitto fra personaggi pressoché azzerato? Un film in cui non succede niente, ma non succede molto lentamente? Se la risposta è sì… buona fortuna, e occhio ai funghi.

Arriverà un film in cui non odierete Elle Fanning, ma non è questo: è How to talk to girl at parties, in cui c’è ancora Nicole Kidman.

 

5
  • 5
Categorie
FeaturedNewsRecensioni
Emanuele Paglialonga

Classe 1995, autore e sceneggiatore. Mi raccomando con questa cosa del cinema.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua