Margot Robbie fu minacciata di morte dopo aver interpretato Harley Quinn

L'attrice ha rivelato i tremendi retroscena dietro all'apparente successo della sua avviatissima carriera
margot robbie suicide squad

Pensavamo fosse l’unica cosa da salvare e invece non è stato del tutto così. Suicide Squad, cinecomic DC diretto un paio di anni fa da David Ayer, ha fatto storcere il naso a molti fedelissimi fan della casa fumettistica e ad una certa fazione della critica. Ma se da una parte i voti negativi hanno fermato la corsa della pellicola nell’olimpo cinematografico, dall’altra l’interpretazione di Margot Robbie nei panni della psicopatica fidanzata di Joker, Harley Quinn, ne ha consacrato la carriera.

Ma non è tutto oro quel che luccica. Come ha infatti rivelato la stessa Robbie durante un’intervista per The Hollywood Reporter, prendere parte a produzioni così importanti ha anche un lato oscuro, tanto da ricevere minacce di morte:

“Ci sono tantissime cose che impari lungo il tuo cammino. Come ad esempio affrontare le minacce di morte. A questo proposito è fondamentale avere un team di sicurezza che possa risalire all’autore e vedere se ci sono precedenti di violenza, in modo da sapere se avrai bisogno di essere protetta quando andrai a certi eventi”.

Vi ricordiamo che Margot Robbie tornerà nei panni di Harley Quinn in Suicide Squad 2 e in Gotham City Sirens. La attendiamo invece nelle sale con I, Tonya, biopic sulla controversa pattinatrice statunitense Tonya Harding.

Fonte: The Hollywood Reporter

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua