Maria Maddalena

La recensione del film con Rooney Mara, dal 15 marzo al cinema
Maria Maddalena

Se Miriam Leone mette sua nonna in freezer per continuare a percepirne la pensione, Garth Davis (regista di Lion) scongela invece un personaggio controverso per la religione cattolica, Maria Maddalena, che dà anche il titolo al film. A vestire i panni della giovane è Rooney Mara, mentre Gesù è interpretato nientepopodimeno che da Joaquin Phoenix.

La storia racconta le vicende di Maria Maddalena, i suoi turbamenti spirituali e i problemi vissuti a causa della ristrettezza di vedute dell’epoca: alle donne era concesso fare ben poche cose. Dal punto di vista dei membri maschili della sua famiglia, Maria avrebbe dovuto sempre e comunque, andando in sposa a comando e senza battere ciglio. Ma lei non è come tutte le altre, e si ribella. La credono pazza, indemoniata. Le provano tutte, poi arriva lui, Gesù di Nazareth, e la sua vita cambierà per sempre.

La Chiesa ha di recente rivalutato in maniera ufficiale la figura di Maria Maddalena: a lungo tempo è stata considerata poco più di una meretrice, e invece la sua figura non è stata meno spirituale di quella degli altri apostoli. E il film racconta proprio questo, l’intensità di una giovane ragazza, le sue tensioni mistiche e i suoi turbamenti.

Maria Maddalena è un film denso, non facilissimo da fruire. È lungo, lento e con molte pause e silenzi. Eppure, a differenza dell’ultimo, agghiacciante film di Malick (Song to Song, Rooney Mara era anche lì, odiabile), non diventa mai noioso o insopportabile. Una volta agganciato il ritmo non velocissimo, si può godere del film in tutta tranquillità. C’è dietro un grande lavoro di regia sulla valorizzazione dei paesaggi e delle location (il film è girato anche a Matera) che rende la visione estremamente piacevole.

Una buona interpretazione per Rooney Mara, e una incredibile performance per Joaquin Phoenix, un Cristo meraviglioso, silenzioso e sofferente.

7
  • 7
Categorie
NewsRecensioni
Emanuele Paglialonga

Classe 1995, autore e sceneggiatore. Mi raccomando con questa cosa del cinema.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua