MOMO: al via l’horror basato sulla celebre immagine virale

Alla regia, Lilton Stewart...
momo

Qualche mese fa, impazzava sul Web l’immagine disturbante di un volto femminile letteralmente deformato. Stando alla leggenda urbana, questa misteriosa donna renderebbe folli e maledetti tutti quelli contattati via WhatsApp. E poteva mai Hollywood lasciarsi scappare la possibilità di rendere questa storia un film horror? Certo che no.

Secondo Deadline, sarebbe già in cantiere una pellicola basata proprio sulla cosiddetta MOMO Challenge, la creepypasta da cui deriva tutto il fenomeno mediatico citato poc’anzi.

Nel cast, Stef Beaton, Alex Brown, Georgie Storm Waite, Rianne Senining e Charlotte Spencer. Alla regia troveremo invece Lilton Stewart. Questa una prima breve sinossi:

“La storia segue un gruppo di adolescenti che, nella loro ultima estate prima del college, si ritrovano in una capanna isolata nei boschi in cui si verificano eventi insoliti. Raccontando storie di fantasmi, si menziona la leggenda metropolitana di MOMO, uno strano spirito donna simile ad un uccello che ricatta le sue vittime con specifici dettagli personali, inducendo alla violenza tramite messaggi di testo e telefonate. Ciò che inizia come un gioco innocuo diventa presto più sinistro quando i ragazzi iniziano a scomparire senza alcun motivo”

Il titolo provvisorio sarebbe Getaway.

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua