Mulan: Li Shang è stato rimosso dal live-action a causa del movimento #MeToo

Il film arriverà nelle sale il prossimo 26 Marzo, diretto da Niki Caro...
mulan

Durante una recente intervista per Collider, Jason Reed – produttore del live-action di Mulan – ha parlato dei motivi dietro la rimozione di Li Shang dal film. Stando alle sue parole, la causa principale sarebbe proprio il movimento #MeToo:

“Abbiamo diviso il personaggio di Li Shang in altri due. Uno è il comandante Tung (Donnie Yen), padre surrogato di Mulan e suo mentore. L’altro è Honghui (Yoson An) che è un pari della ragazza nella squadra. Nell’epoca del movimento #MeToo abbiamo ritenuto che un ufficiale al comando (e anche interesse amoroso, sessuale) potesse creare disagio e che non fosse appropriato”.

Manco a dirlo, il Web è insorto contro questa singolare scelta. Li Shang è un personaggio molto amato, specialmente dalla comunità LGBTQ che lo considera bisessuale essendosi, a detta loro, invaghito prima di Ping (la versione maschile di Mulan) e poi della protagonista.

Il film, diretto da Niki Caro, arriverà nelle sale il 26 Marzo 2020.

Il cast internazionale del film Disney Mulan comprende Yifei Liu (Il Regno Proibito, Once Upon a Time) nel ruolo di Mulan, Donnie Yen (Rogue One: A Star Wars Story) nel ruolo del Comandante Tung, Jason Scott Lee (Crouching Tiger, Hidden Dragon: Sword of Destiny) nel ruolo di Böri Khan e Yoson An (Shark – Il Primo Squalo) nel ruolo di Cheng Honghui, con la partecipazione di Gong Li (Memorie di una Geisha, Lanterne Rosse) nel ruolo di Xianniang e di Jet Li (Shao Lin Si, Arma Letale 4) nel ruolo dell’Imperatore. La sceneggiatura è firmata da Rick Jaffa & Amanda Silver ed Elizabeth Martin & Lauren Hynek ed è basata sul poema narrativo “La ballata di Mulan”.

Di seguito la sinossi:

Quando l’Imperatore della Cina decreta che un uomo per ogni famiglia dovrà arruolarsi nell’Armata Imperiale per difendere il Paese dall’attacco di invasori provenienti dal Nord, Hua Mulan, la figlia maggiore di un rispettato guerriero, prende il posto del padre malato. Dopo essersi travestita da uomo ed essersi arruolata con il nome di Hua Jun, Mulan verrà messa alla prova in ogni momento del suo cammino e dovrà trovare la propria forza interiore e dimostrare tutto il suo autentico potenziale. Nel corso di questo epico viaggio si trasformerà in una stimata guerriera guadagnandosi il rispetto di una nazione riconoscente e l’orgoglio di un padre. 

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua