Playboy Germania ammette: “Abbiamo travisato le parole di Ennio Morricone”

Una storia infinita quella tra Ennio Morricone e l'edizione tedesca di Playboy, accusati di aver inventato le parole del musicista su Tarantino
playboy germania

Chissà se troveremo mai una conclusione. Cerchiamo di riassumere i fatti: su Playboy Germania esce un’intervista in cui Ennio Morricone non la manda a dire a Quentin Tarantino, usando epiteti come “cretino” o accusandolo di scopiazzare di qua e di là. Morricone viene a sapere del fattaccio e prontamente parte al contrattacco smentendo tutto ed elogiando il regista statunitense. Playboy Germania risponde, dimostrandosi sorpresa delle affermazioni del compositore. Adesso, invece, svuota il sacco, ammettendo, attraverso l’Editor-in-Chief Florian Boitin, che quell’intervista non era stata limpidamente redatta.

“Fino ad ora, abbiamo considerato il freelancer che ha condotto l’intervista con Ennio Morricone a nostro nome, essendo per un rinomato giornalista di stampa e radio”, ha detto Boitin in una nota. “In passato, non avevamo motivo di dubitare della sua integrità e delle sue capacità giornalistiche. Sulla base delle informazioni ora a nostra disposizione, dobbiamo purtroppo presumere che le parole pronunciate nell’intervista siano state, in parte, riprodotte in modo errato. Vorremmo esprimere il nostro rammarico se il signor Morricone è stato ritratto sotto una falsa luce. Stiamo lavorando per chiarire la questione e stiamo esplorando le misure legali”.

Sarà la degna conclusione di questa storia infinita? Di certo non si mette bene per Marcel Anders, il freelancer che ha intervistato Morricone e scritto l’articolo. Ma dove sta la verità?

Fonte: The Hollywood Reporter

Categorie
FeaturedNews
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua