Roman Polanski fa causa all’Academy: “Espulso ingiustamente”

Ad un anno di distanza dalla sua espulsione, il regista respinge le scelte dell'associazione...
Roman Polanski

Lo scorso maggio, con un comunicato ufficiale, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences aveva annunciato la decisione di escludere in via definitiva Roman Polanski dalla membership dell’AMPAS, a seguito delle presunte molestie sessuali avvenute nel 1977 ai danni di una tredicenne.

Stando a quanto riportato da Variety nella giornata di ieri, il regista ha fatto causa all’Academy ad un anno di distanza dalla sua espulsione. Secondo l’avvocato, l’associazione lo avrebbe sbattuto fuori senza seguire correttamente il protocollo. In vista di una sospensione o di un’espulsione vera e propria, infatti, il regolamento prevede l’approvazione dei due terzi del board of governors.

Il regista chiede la riabilitazione e il pagamento delle spese legali. L’Academy, ha prontamente risposto: “Le procedure attuate per espellere Polanski sono state corrette e ragionate. L’Academy ribadisce le proprie decisioni”.

Vi terremo aggiornati per ulteriori sviluppi del caso.


Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua