Shang-Chi: il cinecomic Marvel ingaggia la costumista di Matrix e Aquaman

Una nuova aggiunta nella crew del primo film Marvel dedicato ad un eroe asiatico...
shang-chi

Continuano i lavori per Shang-Chi, primo cinecomic interamente dedicato ad un eroe asiatico. I Marvel Studios hanno ingaggiato la costumista australiana Kym Barrett, storica collaboratrice delle sorelle Wachowski e del recente Aquaman. Ha inoltre curato i costumi per Noi di Jordan Peele e anche per il prossimo reboot delle Charlie’s Angels.

Stando a quanto riportato da That Hashtag ShowDonnie Yen (Rogue One: A Star Wars Story) e Ludi Lin (Power Rangers, Aquaman) sarebbero in trattative per entrare nel cast.

In particolare, Lin sarebbe stato contattato in merito al ruolo del protagonista. Le riprese dovrebbero partire in autunno, con una release ancora da fissare ma indicativamente prevista per i primi mesi del 2021.

Alla sceneggiatura è attualmente a lavoro Dave Callaham già dietro Wonder Woman 1984 per la DC e Spider-Man: Un Nuovo Universo.Secondo Deadline, i Marvel Studios avrebbero già trovato un regista: Destin Daniel Cretton, a sua volta asiatico-americano e già dietro a titoli come Short Term 12 e Il castello di vetro.

Qui qualche info sul personaggio da Wikipedia:

Spesso chiamato “Maestro del Kung-Fu” (Master of Kung-Fu), Shang-Chi si serve della sua straordinaria abilità nelle arti marziali, in particolare nel wushu, sia in combattimento disarmato sia armato, compreso l’uso di bastone gun, nunchaku e jian per combattere il male e in particolare suo padre Zheng Zu (in origine chiamato Fu Manchu).

In seguito, unendosi ai Vendicatori, Shang-Chi ottiene il potere di creare innumerevoli duplicati di se stesso. Shang-Chi è un esperto di arti marziali cinesi e possiede un’elevata abilità nel combattimento corpo a corpo, sebbene non sia minimamente al livello di Pugno d’acciaio.

Le sue capacità fisiche sono ai vertici della perfezione umana ed è definito da alcuni come uno dei più grandi combattenti a mani nude ed esperto di kung-fu vivente. Gran parte delle sue doti fisiche sembrano derivare dalla sua maestria nel ki (氣), che spesso gli permette di superare le limitazioni fisiche di un normale atleta.

I suoi riflessi sono tanto sviluppati da permettergli di schivare persino le pallottole di mitragliatrici e fucili di precisione, nonché di deviare colpi di pistola coi suoi bracciali. Shang-Chi è inoltre altamente addestrato nelle arti della concentrazione e della meditazione ed è un esperto nell’uso di armi bianche quali spade, bastoni kali, nunchaku, sai e shuriken.

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua