Solo: A Star Wars Story

La nostra recensione del secondo spin-off della saga cinematografica più amata di sempre, diretto (non senza fatiche) da Ron Howard
Solo: A Star Wars Story

Siamo lontani qualche manciata di parsec dal neorealismo cupo di Rogue One e parecchi anni luce dall’epica delle Trilogie, ma forse un paio di gradini sopra rispetto alle glaciali critiche mosse durante l’anteprima al Festival di Cannes.

Questo Solo: A Star Wars Story era partito decisamente col piede sbagliato. L’abbandono della coppia composta da Phil Lord e Chris Miller, scelti originariamente per dirigerlo e poi silurati per “divergenze artistiche”, ha sicuramente cambiato le carte in tavola, ma nulla sapremo di come sarebbe potuto essere il film se non ci fosse stato Ron Howard a metterci le pezze.

Ciò che è certo è che il secondo spin-off della saga cinematografica più amata di sempre è paradossalmente più legato a quest’ultima di quanto non lo fosse il già citato Rogue One: senza il fan service, Solo sarebbe il nulla e a poco servirebbe l’ondata action di cui il film è pregno per permettergli di vivere di vita propria, per assaporare al meglio l’origin story di un contrabbandiere sbruffone agli albori del suo celebre cammino.

Nonostante tutto, comunque, i 135 minuti sono praticamente impercettibili, complici sia un marasma di personaggi comprimari che una sequela di inseguimenti e di situazioni dubbie al grido di chissà se Han se la caverà anche questa volta. Alden Ehrenreich, a proposito, se la cava bene nei panni dell’iconico personaggio. La somiglianza è indubbia ma tra il caos generale ci si dimentica un po’ chi sia il protagonista effettivo della vicenda. Ci si aspettava qualche battuta in più e qualche smorfietta in meno.

Al di là delle critiche troppo severe, Solo: A Star Wars Story centra l’obiettivo: rappresentare un film per i fan, una piccolissima novella di passaggio, un’appendice scanzonata verso avventure più avvincenti e coinvolgenti. Non c’è niente di nuovo. Quello che ci sarà veramente da scoprire ce lo racconterà Harrison Ford da qui fino a quel maledetto ultimo incontro con Kylo Ren.

Solo: A Star Wars Story
6
Solo: A Star Wars Story
  • Voto
    6
Categorie
FeaturedNewsRecensioni
Claudia Bighi

Attrice e autrice, scrive per sdrammatizzare. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma rifiuta il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua