Star Wars: ecco la trama di Duel of the Fates, l’Episodio IX di Colin Trevorrow mai realizzato

Lo Youtuber Robert Meyer Burnett è riuscito a mettere mano sullo script e ha rivelato i punti più interessanti...
Star Wars: L'Ascesa di Skywalker

Come sappiamo, Colin Trevorrow era stato inizialmente ingaggiato alla regia di Episodio IX, capitolo conclusivo della trilogia sequel di Star Wars. Le motivazioni dietro al suo addio non sono mai state chiarite, anche se non è difficile supporre una divergenza creativa con Kathleen Kennedy.

Ma cosa ne è stato delle idee che Trevorrow aveva per il film? Ebbene, la scorsa notte su Reddit è apparso un riassunto dell’intera trama. Potrebbe sembrarvi falso, ma la fonte sembra essere veramente attendibile. Il regista e youtuber Robert Meyer Burnett è stato in grado di mettere mano ad un copione risalente al dicembre 2016. In un video pubblicato sul suo canale, Burnett legge il materiale, soffermandosi sugli snodi narrativi più importanti.

Un mitomane? Assolutamente no. Affidabili testate internazionali come The Playlist hanno verificato, tramite proprie fonti interne, la veridicità dello script arrivando ad una conclusione unanime: è autentico.

Di seguito vi riportiamo i punti salienti della trama di Star Wars: Duel of the Fates, il titolo scelto per l’Episodio IX mai realizzato.

– Con lo scopo di evitare una ribellione ispirata alle gesta di Luke nella battaglia di Crait, il Primo Ordine ha bloccato tutte le comunicazioni tra pianeti. La missione della Resistenza è quindi quella di riaprire le comunicazioni e spingere la galassia a combattere.

– Il film si apre con la missione nella stazione spaziale di Kuat, in cui BB-8, Rose, Finn e Poe devono infiltrarsi. Qui il Primo Ordine costruisce le proprie astronavi. Le cose non vanno bene e il gruppo è costretto a fuggire. Rey è travestita da Sabbipode. Ha costruito una spada laser ibrida: metà spada danneggiata di Luke e metà suo bastone. Si combatte, ma i nostri riescono a sfuggire rubando un caccia.

– Rey è convinta che in Kylo Ren ci sia ancora del buono. Troviamo il ragazzo in missione su Mustafar, con la barba incolta, in cerca di un holocron Sith. Kylo è tormentato dal fantasma di Luke che lo avverte: “Ecco dove porta l’oscurità: su di una tomba vuota”. L’holocron svela un vecchio ologramma di Palpatine in cui si rivolge a Darth Vader e gli ordina, qualora dovesse essere ucciso, di portare Luke Skywalker da Tor Valum, il maestro Sith da cui lui stesso ha imparato tutto. Kylo allora rintraccia Tor Valum, praticamente un fantasma di oltre 7000 anni, si fa addestrare e alla fine ha uno scontro con Dart Vader (in una sorta di visione).

– Nel frattempo Rose e Finn arrivano su Coruscant per entrare in un vecchio Tempio Jedi ed attivare un radiofaro con lo scopo di comunicare con la galassia. I due vengono catturati e Rose viene interrogata da Hux. Finn riesce a scappare e intanto converte alcuni Assaltatori (suoi ex compagni) dalla parte giusta.

– Leia ha un ruolo importante nella Resistenza e ha un bellissimo dialogo con Rey. La esorta a credere nella Forza, che l’ha scelta.

– Finn è il leader della battaglia finale contro il Primo Ordine a Coruscant. Poe è invece alla guida della battaglia aerea.

– Scopriamo che Kylo Ren, sotto ordine di Snoke, ha ucciso i genitori di Rey. La ragazza è veramente figlia di nessuno e non di certo nipote di Palpatine come deciso da J.J. Abrams. Siamo all’ultimo scontro. I fantasmi di Luke, Obi-Wan e Yoda osservano. Gli Jedi tentano di riportato Ben verso il Lato Chiaro, ma falliscono.

– Veniamo al finale del film, un diretto collegamento a Gli Ultimi Jedi: Finn e Rose conducono i bambini sensibili alla Forza su un pianeta sconosciuto in cui Rey addestrerà una nuova generazione di Jedi. Presente anche il bambino visto nel finale di Episodio VIII.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti.

Qui la nostra recensione di Star Wars: L’Ascesa di Skywalker.

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Dal 1990 abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua