Star Wars: Mark Hamill suggerì a Lucas di rendere Boba Fett la madre di Luke Skywalker

Per fortuna il caro George rifiutò...
star wars

Il colpo di scena più famoso della storia del cinema sarebbe potuto diventare una cretinata in confronto ad un’idea balenata nella mente di Mark Hamill, l’indimenticabile interprete di Luke Skywalker nella saga di Star Wars.

L’Impero Colpisce Ancora termina con la rivelazione della vera identità di Darth Vader, non un qualunque sith, bensì Anakin Skywalker, il padre del giovane apprendista Jedi Luke. Stando a quanto rivelato da Mark Hamill stesso, però, l’attore aveva in mente qualche idea sulla madre del personaggio, svelata solo anni e anni dopo con la trilogia prequel. Sapete di chi stiamo parlando? Di Boba Fett, avete letto bene.

Ecco che cosa ha dichiarato Hamill ad un suo fan riguardo alla questione:

“Suggerii questa cosa a George Lucas in modo da oltrepassare la sorpresa sul fatto che Vader fosse mio padre. Vedevo Boba Fett come un’agente donna che lavorava in segreto per i Ribelli. SPOILER ALERT: la mia idea non gli è piaciuta”.

Insomma, le cose sarebbero andate parecchio diversamente per Star Wars con un Luke figlio da una parte di Vader e dell’altra di Boba Fett, scopertasi addirittura donna! Il simpatico siparietto, però, ci svela qualcosa di importante: Lucas non aveva idea della risonanza che avrebbe avuto Boba Fett nel futuro e addirittura non aveva chiare né le origini e né il continuo della sua storyline. Sarebbe stato divertente vedere uno spin-off su di lui, ma la Lucasfilm ha recentemente dichiarato di aver cancellato in via definitiva il progetto.

Fonte: CinemaBlend

Categorie
News
Claudia Bighi

Redattrice, Ufficio Stampa e Gestione Social per ATL, su cui scrive e sdrammatizza. Abusa di pasticche di Cinema ma ha sempre rifiutato il rehab.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua