Steve Jobs

Aaron Sorkin e Danny Boyle raccontano la vita di Steve Jobs in un'opera dal sapore teatrale
Steve Jobs

Come si può raccontare la vita di un uomo? Solitamente il media cinematografico ci ha abituato ad un racconto cronologico, seguendo il protagonista dalla nascita fino alla morte, tratteggiandone più i cambiamenti attraverso gli anni che attraverso gli avvenimenti. Le difficoltà di raccontare “una vita” aumentano a dismisura quando il personaggio che l’ha vissuta risponde al nome di Steve Jobs, genio discusso che ha plasmato la quotidianità di ognuno di noi. Che sia tramite un Mac o un iPhone, il lascito di Jobs riecheggia ogni giorno nelle nostre vite, rendendo il suo operato così importante da essere quasi universale. In Steve Jobs, il biopic dedicato al fondatore della Apple, lo sceneggiatore Aaron Sorkin, che Jobs l’ha conosciuto davvero, decide di percorrere una strada diversa, optando per un’opera dal sapore quasi teatrale, che allestisce tre palchi per narrare altrettanti momenti cruciali nella vita del personaggio: il lancio del Macintosh, la nascita della NeXT e la presentazione del primo iMac. Attraverso questi avvenimenti Sorkin traccia l’evoluzione del personaggio, riuscendo a separare l’aspetto umano da quello professionale, unendoli lì dove necessari, e ricorrendo all’espediente del flashback per raccontare (brevemente) la gioventù di Jobs, anche questa racchiusa in un unico “palco”, quello dell’ormai iconico garage.

La visione di Danny Boyle serve poi a rendere il film meno caotico di quanto ci si potrebbe aspettare da uno script di Sorkin, abituato a dialoghi rapidi e taglienti, che spesso si incrociano insieme ai suoi personaggi, e a mettere in scena delle sedute di psicoanalisi, in cui il personaggio di Kate Winslett (fedele spalla di Jobs durante tutta la sua carriera) ci guida all’interno della psiche dell’uomo, evidenziandone la continua evoluzione, dall’immaturità del genio ribelle alla saggezza del tech guru. Visto in questo modo, il biopic inteso come racconto di vita viene superato, rendendo anche plausibile la tanto chiacchierata scelta di Michael Fassbender per il ruolo di Steve Jobs; una lamentela portata avanti da chi probabilmente aveva lodato il casting di Ashton Kutcher nel disgraziato Jobs, uscito ormai tre anni fa.

Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, Steve Jobs è un film che riesce ad incantare nonostante una certa prevedibilità, dovuta soprattutto al dover raccontare la storia di uno degli uomini più famosi di sempre. Nel farlo, però, la coppia Sorkin-Boyle sceglie la via più intelligente, quella dell’approfondimento umano, tralasciando la ricerca dell’identico e preferendovi quella della verità. Il risultato è ottimo.

Steve Jobs
8
Steve Jobs
  • Voto
    8
Categorie
FeaturedNewsRecensioni
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
3 Commenti su questo post
  • Avatar
    Jessica Chastain in trattativa per Molly's Game – abovetheline.it
    19 Febbraio 2016 at 16:02
    Rispondi

    […] che il suo talento da sceneggiatore è stato ulteriormente confermato dal biopic Steve Jobs, Aaron Sorkin è pronto a debuttare dietro la macchina da presa con Molly’s Game, pellicola […]

  • Avatar
    The Light Between Oceans: online il trailer ufficiale – abovetheline.it
    25 Febbraio 2016 at 13:04
    Rispondi

    […] edizione degli Oscar che andrà in scena domenica, rispettivamente per le interpretazioni in Steve Jobs e The Danish Girl. Guardando però il trailer di The Light Between Oceans, siamo sicuri di non […]

  • Avatar
    Michael Fassbender nel cast di Entering Hades – abovetheline.it
    3 Maggio 2016 at 18:47
    Rispondi

    […] l’uscita in sala a inizio di quest’anno di Macbeth e Jobs, ritroveremo presto Fassbender in X-Men: Apocalisse (18 maggio) e Assassin’s Creed (26 […]

  • Rispondi

    *

    *

    ABOUT US

    CONSIGLIATI

    Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

    Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

    Continua