Terminator: Destino Oscuro – La Recensione

Il film arriverà nelle sale il 31 ottobre...
terminator

Dire che la saga di Terminator abbia avuto vita facile dopo il secondo capitolo di James Cameron sarebbe mentire spudoratamente. Lo sappiano noi come lo sapeva Tim Miller prima di imbarcarsi nel quarto tentativo di sequel di Terminator 2, uscito nell’ormai lontano 1991 e ultimo momento felice per i fan della saga che ha lanciato Arnold Schwarzenegger.

Per provare a migliorare le cose e alzare l’asticella delle aspettative Miller ha rimesso insieme la vecchia squadra, riunendo per la prima volta da quel film Cameron, Schwarzenegger e Linda Hamilton ed eleggendo Terminator: Destino Oscuro come sequel diretto del secondo capitolo, cancellando in un solo colpo Christian Bale, Emilia Clarke e la già dimenticata Kristanna Loken.

Le ambizioni di Destino Oscuro però sono ben altre, e sotto quel sottile strato di nostalgia nasconde l’ormai consueta voglia di reboot che ha colpito Hollywood, trasformando il film in un’operazione per molti versi simile a Star Wars: Il Risveglio della Forza. Vecchi protagonisti in grande spolvero insieme a nuovi protagonisti sottotono, la saga di Terminator cerca di aggiornarsi all’action moderno finendo per diventare un tripudio di esplosioni senza troppo senso. Il meglio di sé Destino Oscuro lo tira fuori nelle interazioni tra Schwarzenegger e la Hamilton, vera delizia per i fan di vecchia data, e negli sconti più fisici tra i protagonisti. Gabriel Luna convince nel ruolo del Rev-9, così come Mackenzie Davis nei panni dell’ibrido umano-robot inviato indietro nel tempo per proteggere Dani.

Alla fine dei conti Terminator: Destino Oscuro si dimostra una buona idea sfruttata male, troppo concentrata a monetizzare futuro e troppo poco a omaggiare il passato.

Categorie
NewsRecensioni
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua