Come ti ammazzo il bodyguard

La recensione dell'action movie con protagonisti la coppia Samuel L. Jackson e Ryan Reynolds
Come ti ammazzo il bodyguard

Già dal primo trailer di Come ti ammazzo il bodyguard (in inglese The Hitman’s Bodyguard), si intuiva che non sarebbe stata questa grande commedia: si notavano subito i classici topoi dell’action comedy, del buddy movie, e altri termini in inglese che chiariscono bene il concetto. Un film già visto ancor prima di uscire al cinema (ogni riferimento è puramente casuale).

Come ti ammazzo il bodyguard di Patrick Hughes (I Mercenari 3) racconta la storia di Michael Bryce (Ryan Reynolds), fiore all’occhiello nel campo della sicurezza privata, ora caduto in disgrazia dopo “un incidente sul lavoro”; torna a lavorare quando si ritrova a dovere proteggere il noto sicario a pagamento (non che suo nemico di lunga data) Darius Kincaid (Samuel L. Jackson) dal dittatore dell’Est Europa, Vladislav Dukhovich (Gary Oldman).

Ispirato ai veri film del genere, come Arma Letale, il film di Patrick Hughes non ha queste grandi pretesi che non vanno oltre il mero intrattenimento costruito con il tipico foglio delle istruzioni. Quindi la prima domanda che ci poniamo è: che bisogno c’era di un ennesimo film fatto con lo stampino? Eppure la pellicola di Hughes ha almeno il grande pregio di aver trovato una fantastica coppia da portare sul grande schermo, e cioè quella Jackson-Reynolds: la chimica tra i due è impressionante e assolutamente divertente, e tiene in piedi tutta la baracca strappandoci più di una risata (Samuel L. Jackson che canta “E l’ha bevuto tutto e non gli ha fatto male…” è già cult).

Però, appunto, non è tutto oro quello che luccica, e una grande nota di demerito va al non aver saputo valorizzare un attore come Gary Oldman nel cast. Insomma, oltre la coppia protagonista c’è ben poco che può “salvare” questa pellicola, che rimane un film senza infamia e senza lode.

Come ti ammazzo il bodyguard
6
Come ti ammazzo il bodyguard
  • 6
Categorie
NewsRecensioni
Francesco Martino

Nato nel 1989 è studente di Giornalismo a Roma Tre. Ha collaborato con Prismo, Vice e Dude Mag. Scrive su Serial Minds e in edicola su Il Mucchio.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua