Tutti i soldi del mondo: Ridley Scott non sapeva dello stipendio di Mark Wahlberg

Dopo la notizia di pochi giorni fa, oggi arrivano nuovi dettagli sul caso che ha coinvolto ancora una volta Tutti i soldi del mondo
tutti i soldi del mondo

Nei giorni scorsi vi avevamo riportato la polemica che aveva investito Tutti i soldi del mondo, il nuovo film di Ridley Scott già investito dal caso Kevin Spacey. Protagonisti della vicenda erano i due co-protagonisti, Mark Wahlberg e Michelle Williams, e le retribuzioni che i due avevano ricevuto per le riprese aggiuntive del film.

Secondo un articolo del Washington Post, Walhberg aveva ricevuto ben due milioni di dollari per dieci giorni di lavoro contro i soli 80$ al giorno offerti alla Williams. La notizia era in contrasto con quanto dichiarato dal regista Ridley Scott, che aveva passato il tour promozionale del film a ripetere di come tutti avessero accettato di lavorare praticamente gratis. La novità di oggi riguarda proprio le dichiarazioni di Scott che, secondo quanto appreso da TMZ, non era a conoscenza delle richieste avanzate da Wahlberg. Lo stesso regista ha dichiarato di sentirsi tradito dall’attore che, secondo USA Today , avrebbe ricattato la produzione rifiutandosi di approvare la scelta di Christopher Plummer se non sotto il cospicuo pagamento ricevuto per i reshoot.

 

Categorie
News
Francesco Martino

Scrivo di cinema e faccio le pubblicità.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua