Una vita spericolata

La recensione del nuovo film di Marco Ponti
Una vita spericolata

Da giovedì 21 giugno è al cinema Una vita spericolata, il nuovo film di Marco Ponti, reduce dal qualitativamente tragico dittico di Polignano a Mare (Io che amo solo te La cena di Natale) e che esordì, ormai più di quindici anni fa, con Santa Maradona.

I protagonisti di questo film sono Rossi e Bibi, interpretati da Lorenzo Richelmy Eugenio Franceschini. Il film ebbe problemi a inizio produzione per via della vicenda del tragico incidente stradale causato da Domenico Diele, che avrebbe dovuto essere uno dei protagonisti. Ironia della sorte, il suo personaggio -andato poi a Franceschini- è un ex campione di rally.

Una vita spericolata è, o meglio vorrebbe essere, un film di rapina e fuga. Rossi rapina per sbaglio una banca. Raccatta l’amico Bibi e parte la fuga da nord a sud. A loro si unisce anche Soledad, interpretata da Matilda De Angelis. Soledad ha 23 anni ed è un’attrice-soubrette in declino in cerca di riscatto e notorietà. Alle loro calcagna si metteranno dei poliziotti capitanati da Massimiliano Gallo (la cosa migliore del film) e dei cattivi con a capo Michela Cescon (un villain donna nel cinema italiano, finalmente).

Il film di Ponti osa, e di questo gliene va reso atto: ci sono dei segmenti folli, audaci, idee anche insolite per il cinema italiano contemporaneo perennemente addormentato. Il problema è a livello di scrittura: non c’è un arco di trasformazione interessante per nessun personaggio, alcune parti sono proprio scollate dalla realtà (ma non sarebbe nemmeno un problema) e i dialoghi non sono da film di rapina e fuga ma… da Cena di Natale.

Peccato, ma no.

6
  • 6
Categorie
NewsRecensioni
Emanuele Paglialonga

Classe 1995, autore e sceneggiatore. Mi raccomando con questa cosa del cinema.
Nessun Commento

Rispondi

*

*

CONSIGLIATI

  • ride

    RIDE: il teaser trailer del film prodotto dai registi di Mine

    La Lucky Red ha pubblicato online il teaser trailer di RIDE, film diretto da Jacopo Rondinelli e scritto, co-prodotto e supervisionato artisticamente da Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, già registi...
  • Coco

    Coco

    Se la tempesta Gli ultimi Jedi si è abbattuta sul box-office italiano (11 milioni circa in due settimane), l’uragano Coco è altrettanto pronto a fare sfracelli: dal 28 dicembre arriva infatti, in 700...
  • Veloce come il vento

    Veloce come il vento

    Per prima cosa, una riflessione. Da Lo Chiamavano Jeeg Robot a Non Essere Cattivo la sentenza delle sale è un grido unanime: la qualità non ci ha rotto il...

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua