Venezia 75: The Ballad of Buster Scruggs

La recensione del film The Ballad of Buster Scruggs, l'ultima fatica dei fratelli Cohen. Con James Franco, Liam Neeson e Brendan Gleeson
The Ballad of Buster Scruggs

Sullo sfondo del vecchio west, i fratelli Cohen ambientano sei diverse novelle, ciascuna di breve durata e con dei personaggi inconsueti: un cowboy canterino che uccide chiunque si ponga sulla sua strada; un incapace rapinatore di banche; il proprietario di uno show teatrale itinerante con protagonista uno storpio; un anziano ricercatore d’oro; una giovane donna a capo di una carovana, accompagnata da due guide; un gruppo di passeggeri chiacchieroni diretti verso una misteriosa destinazione.

Rapinatori, assassini e avidi: i Cohen mettono in scena la parte peggiore del genere umano, che si palesa in situazioni grottesche e al limite dell’inverosimile, soltanto come loro sanno fare.

Presentandosi come uno dei loro progetti più ambiziosi e innovativi, The Ballad of Buster Scruggs perde, però, la sua vena attrattiva man mano che si avvia verso la conclusione. Se le prime storie sono godibili e suscitano riso, le successive sono penalizzate dalla natura logorroica dei personaggi, dalla staticità di alcune situazioni in cui questi sono coinvolti e dall’eccessiva parodia di alcuni luoghi comuni legati al vecchio west.

Sebbene ciascuna storia racchiuda un chiaro messaggio morale, quest’ultimo non è sufficiente a giustificare un film risentito del ritmo pedante e dei tempi comici non sempre ben riusciti. Nemmeno l’umorismo grottesco, tipico dei loro film, riesce a salvare un’opera soporifera, priva di un midollo spinale capace di sostenere l’amalgama di personaggi e bizzarrie raccontate. Nonostante le invitanti premesse, The Ballad of Buster Scruggs è facilmente dimenticabile.

6
  • voto
    6
Categorie
FeaturedNewsRecensioni
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua