Zootropolis: la Disney accusata di plagio dallo sceneggiatore Gary Goldam

Accuse pesanti, che ipotizzano il furto creativo di un soggetto ideato interamente dallo scrittore e sceneggiatore di "Atto di forza"
zootropolis

Guai in vista per la Disney. Un veterano di Hollywood ha accusato la casa di Topolino di aver letteralmente rubato l’idea del film premio Oscar, Zootropolis.

Gary Goldman afferma infatti che la Disney abbia preso personaggi, temi, dialoghi e persino il titolo originale, Zootropia, da un suo progetto sviluppato per la prima volta nel 2000. Lo sceneggiatore di Atto di forza ha dichiarato di aver proposto più di una volta il progetto allo studio, nel 2000 e nel 2009, ma di essere stato rifiuto. L’accusa è molto pesante, e citerebbe una lunga storia di plagi, di cui Zootropolis sarebbe solo un esempio recente.

La risposta della Disney in merito alla questione, non è tardata ad arrivare.

L’accusa di Mr. Goldman è sostenuta da false insinuazioni. Si tratta semplicemente di un tentativo meschino di appropriazione di un successo che lui non ha contribuito a creare, e noi siamo pronti a difenderci con forza durante il processo.

Gary Goldman ha inoltre dichiarato di aver registrato un accordo per un film in live-action dal titolo “Looney” nell’agosto del 2000. Questa pellicola doveva rappresentare il primo capitolo del franchise Zootropolis, che avrebbe dovuto includere anche il film d’animazione Zootropia. Il soggetto di Goldamn raccontava la storia di un illustratore, impegnato nella creazione di un mondo di cartoni animali che rifletteva la complessità della società umana. Secondo lo sceneggiatore, questa società includeva classi sociali e strutture ispirate alle caratteristiche delle differenti specie.

Per il progetto, venne ingaggiato anche un disegnatore per sviluppare i personaggi, che – come potete vedere – erano molto simili a quelli visti in Zootropolis.

zootropolis

Categorie
News
Martina Amantis

Ryan Gosling is my husband
Nessun Commento

Rispondi

*

*

ABOUT US

CONSIGLIATI

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy Read More, dove trovi maggiori informazioni e anche indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, necessari al corretto funzionamento e secondo le finalità illustrate nella Privacy Policy, dove trovi maggiori informazioni e le indicazioni su come eventualmente negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Continua